custom-header
Richiesta al Giudice di autorizzazione ad azioni legali

L’ADS deve chiedere al Giudice l’autorizzazione ad avviare azioni legali con apposita istanza.

Molto spesso il nominato Amministratore di Sostegno trova situazioni patrimoniali complesse ed in pregiudizio del beneficiato. I beni a lui intestati sono magari utilizzati senza portargli alcun beneficio o parte del patrimonio è stato distratto da soggetti che lo attorniavano interessati, magari fino ad averlo circonvenuto in un momento di debolezza.

Non è perciò raro che l’ADS debba pensare a dare tutela al proprio amministrato ricorrendo alle vie di giustizia ed eventualmente interessando la procura della Repubblica per quanto accaduto.

La scelta non è però nella libera discrezionalità dell’amministratore di sostegno ed è opportuno che via sia la chiara autorizzazione del Giudice Tutelare a compiere i passaggi conseguenti anche quanto la stessa nomina sia stata realizzata appositamente per assistere il benficiato nella gestione della propria congiuturale situazione economica.

E’ allora necessario farsi autorizzare specificamente alle dette attività predisponendo e presentanto apposita istanza al Giudice Tutelare.

Do quindi segnalazione di un interessante ed esaustivo esempio di istanza messa a disposizione dall’Avv. Stefano Scalettaris di San Donà di Piave.

Avv. Alberto Vigani


AL SIGNOR GIUDICE TUTELARE PRESSO IL TRIBUNALE DI TREVISO

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE AD AZIONI LEGALI

nel procedimento RG….. – Ads a favore di …..
La signora …….. (……..) nata a ….. il ……, domiciliata presso lo studio dell’avv. Stefano Scalettaris (SCLSFN70S30G914C) in San Donà di Piave, via Battisti 11, nella sua qualità di Amministatrice di Sostegno di …… nata a …… il …….

PREMESSO

  • CHE l’istante veniva nominata Amministratrice di Sostegno di ……. con provvedimento del ……. del Giudice Tutelare, dr…….;
  • CHE tale nomina seguiva alla rimozione della precedente Ads signora …….., il cui “comportamento riprovevole” – consistente nella sottrazione di somme di spettanza della beneficiaria – ha determinato la formazione di un consistente debito verso la Struttura……ove l’anziana risiede;
  • CHE nel provvedimento di nomina il Giudice autorizzava la nuova Ads a “ verificare le iniziative più idonee a recuperare le somme sottratte ed eventuali azioni di responsabilità”;
  • CHE lo stesso Giudice evidenziava, in esito all’istruttoria svolta, inequivocabili profili di responsabilità civile e penale a carico della signora ….. (“Considerato infatti che la stessa senza fornire alcuna giustificazione ha trattenuto per sé i ratei della pensione spettante alla beneficiaria senza provvedere al versamento presso la casa di riposo ove attualmente la predetta beneficiaria risiede”);
  • CHE attualmente la signora …… parrebbe ancora risiedere, senza alcun titolo, presso l’immobile di proprietà dell’anziana ……., in ……, situazione questa, ostativa della possibilità di trarre reddito dall’unico cespite di spettanza della beneficiaria;
  • CHE nel frattempo il creditore ….., a mezzo del proprio Legale, ha manifestato altresì l’intenzione di procedere esecutivamente a danno dell’anziana ;
  • CHE preso atto delle gravi problematiche di cui sopra l’Ads intenderebbe procedere come segue: contattare a mezzo del proprio Legale la signora ……. chiedendo in via bonaria l’immediata restituzione di tutto ciò che è di spettanza della signora….. oltre alla liberazione spontanea dell’immobile in ……..;

indi, in ipotesi di mancato o insoddisfacente riscontro agire:

  1. in sede penale presentando all’Autorità Giudiziaria una denuncia/querela contro la signora ………;
  2. in sede civile per ottenere, da un lato il rilascio dell’immobile in …….. e dall’altro, ove ritenuto economicamente conveniente valutata la capienza del patrimonio della signora ….., la restituzione del denaro e dei beni di spettanza della signora ….. con il riconoscimento del conseguente danno patito;
  • CHE in ogni caso, verificata nel più breve tempo possibile la situazione patrimoniale dell’anziana, l’Ads dovrà far fronte alle pretese creditorie di….. proponendo eventuali dilazioni di pagamento ovvero convenendo con ….. altre soluzioni – compresa, in estrema ratio, la vendita dell’immobile di cui sopra – idonee a scongiurare l’esperimento di inutili, costose e punitive azioni esecutive contro la signora ……,

tutto ciò premesso la signora……., ut supra

CHIEDE

che l’Ill.mo Giudice Tutelare adito, letto il presente ricorso, ritenuta la propria competenza, rilevata l’urgenza, voglia così disporre:
autorizzare l’ADS …… a presentare, ove necessario, a mezzo del proprio legale avv. ……. del Foro di ….., una denuncia/querela contro la signora ……, nata a …. il ….. per i fatti di cui in narrativa con espressa autorizzazione a costituirsi parte civile, in nome e per conto della beneficiaria, ……, nell’instaurando procedimento;
autorizzare l’ADS ……., a mezzo del proprio Legale avv. …… di ….., a convenire in giudizio presso il Tribunale Civile di …. la signora ……, ove necessario, per ottenere il rilascio dell’immobile in ….. di proprietà della signora ……;
autorizzare l’ADS ……., a mezzo del proprio Legale avv. …..di …., a convenire in giudizio presso il Tribunale Civile di …. la signora …….., ove necessario, per ottenere la restituzione del denaro e dei beni di spettanza della signora …… con espressa facoltà in capo all’Ads di far precedere la programmata azione da una richiesta cautelare ante causam, ove ritenuta opportuna sulla base della capienza patrimoniale della destinataria del provvedimento;
autorizzare l’Ads a convenire stragiudizialmente con il creditore ….., ove possibile, dilazioni di pagamento del credito da esso vantato;
MUNIRE l’emanando decreto di immediata esecutività stante l’estrema urgenza di porre rimedio, in tempi assai rapidi, alla gravissima situazione venutasi a creare siccome rappresentata nella superiore premessa.

Si dichiara di voler ricevere ogni avviso al seguente numero di fax: …. o all’indirizzo di posta elettronica: ……

Con osservanza.

 

Trova qui gli articoli collegati e più interessanti:

PER SAPERNE DI PIU’ SULL’AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, ORA GUARDA LA VIDEOGUIDA NELL’INTERVISTA QUI SOTTO

Ricorda che puoi anche scaricare gratis da questo sito la “Guida Breve all’Amministratore di Sostegno

Per farlo è sufficiente mandare soltanto un tweet di TWITTER; Ti basta cliccare sul tasto qui di seguito: “pay with a tweet”. Per Te è gratis, per noi è un contributo importante su Twitter a diffondere la cultura dell’ADS. CLICCACI ORA!

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: