custom-header
Si può far cessare l’amministrazione di sostegno?

ISTANZA DI CESSAZIONE DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

Revoca Amministratore di Sostegno

Revoca Amministratore di Sostegno

E’ di facile comprensione che l’Amministratore di Sostegno  non sia sia una funzione in sè perpetua ed anzi, proprio per la sua stessa fisiologia, che possa generarsi la condizione del venir meno delle necessità che la hanno giustificata. Come fare allora?

Se l’ADS può veder superati i presupposti che hanno portato alla sua nomina ed il beneficiato può ritenere di non doversene più avvantaggiare, la modifica della condizione del beneficiaro non è però nella libera discrezionalità dell’amministratore di sostegno e tantomeno del soggetto sottoposto ad amministrazione di sostegno. Vi deve infatti sempre essere autorizzazione del Giudice Tutelare a cessare l’ADS.

In questo caso è passaggio obbligato il predisporre e presentare apposita istanza al Giudice Tutelare per la revoca dell’Amministratore di Sostegno. Il magistrato provvederà sul punto.

Do quindi segnalazione di un interessante ed esaustivo esempio di istanza nuovamente messa a disposizione dall’Avv. Stefano Scalettaris di San Donà di Piave (Venezia).

Avv. Alberto Vigani


 

AVANTI IL TRIBUNALE DI VENEZIA

RICORSO PER REVOCA DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

I signori nata a il e residente a …… alla via….. c.f.: e ……….nato a …….. il …………..e residente a ………. alla via ….., c.f.:

assistiti e rappresentati per mandato a margine del presente atto dall’Avv. Stefano Scalettaris SCLSFN70S30G914C del Foro di Venezia, con domicilio eletto presso lo studio in San Donà di Piave (VE) via Battisti 11,

PREMESSO

CHE i ricorrenti, tra loro germani, sono entrambi parenti in linea collaterale di quinto grado della signora ……………. già residente in …………….; il tutto come da dichiarazioni in autocertificazione che si allegano al presente ricorso sub doc 1;

CHE la signora …………, di anni …, percettrice di una pensione che viene mensilmente e regolarmente accreditata su un libretto di deposito bancario, si trova dal ……… ospite della Residenza…………. di …….;

CHE i responsabili della Struttura, in relazione alla non più giovane età della loro ospite, peraltro comunque capace di intendere e di volere, ebbero per essa a richiedere, a Codesto Giudice Tutelare, la nomina di un Amministratore di Sostegno;

CHE l’invocata procedura (RG ………) portò, in data ……….., alla nomina di tale signora ……………… nella summenzionata veste;

CHE gli odierni ricorrenti, da sempre in contatto con la propria congiunta, ebbero ad apprendere dalla medesima un sempre maggiore disagio verso la sua attuale condizione, disagio peraltro sfociato nel corso delle ultime conversazioni telefoniche, in esplicite richieste di aiuto,

CHE vieppiù, conversando con persone informate sui fatti all’interno della Struttura, gli odierni ricorrenti vennero casualmente a conoscenza di un consistente debito della signora ……… pari attualmente ad €…….. e derivante dall’asserito mancato pagamento delle rette a favore dell’…..;

CHE la circostanza veniva peraltro ribadita al difensore dei ricorrenti, nel corso di una conversazione telefonica, dal Collega ………. del Foro di ……. il quale confermava addirittura di aver utilmente iniziato, nell’interesse della sua assistita ……, specifiche azioni esecutive contro l’anziana, volte al soddisfacimento dell’asserito credito;

CHE tale situazione appare alquanto paradossale e non certo in linea con un’oculata gestione patrimoniale ove si consideri che l’importo della pensione della signora …….. pari ad Euro ….apparirebbe di per sé sufficiente al pagamento della retta mensile della Struttura che dovrebbe ammontare ad Euro ……;

CHE non è peraltro dato a sapere chi attualmente occupi e a quale titolo l’appartamento di proprietà dell’anziana in …………………….senza peraltro versare alcun canone all’avente diritto;

CHE per quanto sopra, alla luce del disagio personale della beneficiaria che più volte ha espresso il desiderio di fare ritorno a casa propria essendo in grado di attendere alle proprie necessità e tenuto conto del grave ed oggettivo pregiudizio patrimoniale venutosi a creare, apparirebbe quanto mai opportuna una nuova valutazione da parte di Codesto Giudice Tutelare sulla persistenza delle condizioni che portarono alla nomina dell’attuale ADS ed all’adozione delle determinazioni contenute nel relativo provvedimento;

tutto ciò premesso i signori ……………….., ut supra assistiti e rappresentati

CHIEDONO

che l’Ill.mo Giudice Tutelare adito, letto il presente ricorso, ritenuta la propria competenza, acquisita ogni documentazione utile od opportuna presso…….. o altrove, valutata l’opportunità di assumere nuovi provvedimenti a favore della beneficiaria – rebus sic stantibus ed alla luce della grave situazione illustrata – , ascoltate comunque la signora ………. e l’attuale Ads signora………., voglia così disporre:

IN PRINCIPALITA’: dichiarare cessata l’amministrazione di Sostegno disposta a beneficio della signora ……… in data …….. (RG …..) od in subordine sostituire l’attuale nominata Ads signora ……….. con altra persona, benevisa alla beneficiaria ed in grado di assumere l’incarico;

IN OGNI CASO adottare a favore della beneficiaria tutti i provvedimenti che dovesse ritenere utili ed opportuni per i bisogni di vita della medesima e per la conservazione del proprio patrimonio ivi compresa l’adozione delle più opportune e strumentali azioni legali;

MUNIRE l’emanando decreto di immediata esecutività stante l’urgenza di porre rimedio in tempi assai rapidi alla situazione venutasi creare siccome rappresentata nella superiore premessa.

Si dichiara di voler ricevere gli avvisi di rito al seguente numero di fax: ……..

Con osservanza

………

 

Si offrono in comunicazione:

  1. Autocertificazioni dei ricorrenti
  2. documenti anagrafici dei ricorrenti

Trova qui gli articoli collegati e più interessanti:

PER SAPERNE DI PIU’ SULL’AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, ORA GUARDA LA VIDEOGUIDA NELL’INTERVISTA QUI SOTTO

Ricorda che puoi anche scaricare gratis da questo sito la “Guida Breve all’Amministratore di Sostegno

Per farlo è sufficiente mandare soltanto un tweet di TWITTER; Ti basta cliccare sul tasto qui di seguito: “pay with a tweet”. Per Te è gratis, per noi è un contributo importante su Twitter a diffondere la cultura dell’ADS. CLICCACI ORA!

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

2 Comments

  1. Salve Staf.
    Voglio rinunciare alla nomina di me stesso come AdS.
    come devo fare?
    Federico.

  2. Gentile Federico,
    per la sostituzione deve dare prova dell’impossibilità a proseguire nell’incarico e, se del caso, proporre un sostituto.

    Per miglior dettaglio sull’istituto dell’ADS, La rinvio anche a quanto spiegato nella Guida Breve all’Amministratore di Sostegno che abbiamo preparato con il team dello studio di un legale associato e che può scaricare cliccando QUI: http://www.amministratoridisostegno.com/2010/10/scarica-gratis-la-guida-breve-alamministratore-di-sostegno/

    Speriamo di esserle stati di aiuto e per darci il suo sostegno le chiediamo di cliccare su mi piace sulla pagina facebook di http://www.amministratoridisostegno.com che trova qui: http://www.facebook.com/amministratoredisostegno
    Grazie mille.
    Cordialità.

    Paola
    Staff Associazione AMMINISTRATORIDISOSTEGNO.COM

    Puoi seguirci con Avvocatogratis.com anche su TWITTER cliccando QUI

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: